OK Coaching | Bastioni di Porta Nuova 21 - 20121 Milano | Via delle Querce 7 - 24048 Treviolo - Bergamo | +39 035 203608

Seguici su

Sport Coaching: nel cuore del “derby interiore”

Il 1 giugno, 2015

Sport Coaching: nel cuore del “derby interiore”

Guardare al Coaching nello sport significa rifarsi all’origine del metodo che oggi viene applicato con successo ad una moltitudine di ambiti differenti. Timothy Gallwey, il padre del Coaching, ne delineò i fondamenti osservando l’inner game che si consuma all’interno dell’atleta… e che finisce col consumare, se non gestito, le sue risorse psicofisiche. Quel costante derby interiore rappresenta l’area principale del “campo da gioco” mentale entro cui allenare consapevolezza e, per dirla con Daniel Goleman, intelligenza emotiva.

Gli obiettivi dell’atleta

Se in una relazione di Life Coaching l’individuazione degli obiettivi può richiedere più di una sessione, in ambito Sport accade che l’atleta si presenti con le idee già ben chiare. Il punto d’arrivo è scolpito nella sua mente, accompagnato spesso da una buona dose di frustrazione per il tormento generato proprio dal contrasto tra la nitidezza del futuro desiderato e l’inadeguatezza percepita nell’affrontare quel tanto che lo separa dal traguardo. Gran brutta esperienza per un agonista!

Motivazione intrinseca

Il garbuglio verrà sciolto dal Cliente, come in ogni percorso di Coaching, attraverso il dialogo generativo con il Coach. La forte motivazione intrinseca che generalmente sospinge il “vincente” (o aspirante tale) verrà canalizzata grazie ad un piano d’azione che potrà far leva su attenzione e concentrazione, sul mantenimento di un atteggiamento positivo e confidente, sulla capacità di rilassarsi, sulla gestione della rabbia, dello stress e della paura, su visualizzazione e self talk, sull’allenamento alla resilienza.

Lo switch coinciderà, in molti casi, con l’istante in cui il Coachee sperimenterà dentro di sé l’effetto di una miscela potentissima: automotivazione (l’elemento di partenza) + intreccio virtuoso tra miglioramento della performance e consolidamento del senso di autoefficacia. Questo processo aperto e dinamico porterà ad un’autoesplorazione priva di barriere. Ed i pretesi confini tra Sport e Life Coaching, fatalmente, finiranno col dissolversi.

  • Da Gabriele Sola  0 Commenti   
  • agonismo, inner game, performance, Sport

    0 Commenti

    Inserisci un Commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *