OK Coaching | Bastioni di Porta Nuova 21 - 20121 Milano | Via delle Querce 7 - 24048 Treviolo - Bergamo | +39 035 203608

Seguici su

Leggere lo sguardo: i segnali degli occhi

Il 20 febbraio, 2017

Leggere lo sguardo: i segnali degli occhi

Che gli occhi “parlino” è convinzione comune: lo sguardo è considerato lo specchio dell’anima e il contatto oculare rappresenta un ingrediente indispensabile nella comunicazione efficace. Sapevi che anche il movimento degli occhi (in alto, in basso; a destra e sinistra) può raccontarti molto della persona che hai di fronte?

Parliamo dei cosiddetti “segnali di accesso oculari”, che spesso accompagnano il lavorìo interiore fatto di dialoghi, ricerca di informazioni e selezione nell’archivio dei ricordi. Immagina un quadrante, come quello della rosa dei venti. Gli occhi di chi ti sta davanti “scappano” lassù o laggiù? Ecco che cosa potrebbe significare.

 

Sguardo in basso a sinistra

Dialogo interiore in corso. Quello che le/gli hai detto ha attivato un bla-bla tre sé e sé che riduce fatalmente l’attenzione nei tuoi confronti. Fattene una ragione (non è mica detto che sia una cosa negativa, eh?) e dalle/gli un pizzico di tempo.

 

Sguardo in basso a destra

Il tuo interlocutore è inciampato in una sensazione “di pancia” che lo ha incriccato. Se si tratta di una reazione a qualcosa che hai detto o fatto, significa che hai toccato un nervo scoperto. Lasciagli il tempo di riprendersi e dimostrati (con l’atteggiamento, mica a parole) rassicurante.

 

Sguardo in alto a sinistra

Sta estraendo un ricordo visivo dall’archivio dei ricordi. L’espressione del volto ti aiuterà a comprendere se si tratti di un ricordo positivo o meno.

 

Sguardo in alto a destra

In questo caso, l’immagine che lei/lui sta costruendo non ha la nitidezza del ricordo: la sta costruendo, è frutto di fantasia e prende forma proprio in quegli istanti. Un viaggio nel futuro o nel futuribile.

 

Sguardo di lato a sinistra

Atteggiamento auditivo che si rifà a suoni e parole ricordati. Anche in questo caso c’entra l’archivio del già visto… Anzi, del “già sentito”.

 

Sguardo di lato a destra

Sta componendo qualcosa (una melodia, una frase, una rima…) che ha a che fare con i suoni. E se stesse elaborando il modo migliore per dirti proprio quello che vorresti sentire dalla sua voce?

 

Okay, ho un po’ semplificato ma – credimi – tutto ciò che hai letto affonda le radici in decenni di studi e approfondimenti scientifici.

Ah, dimenticavo: prima di attivare la bussola dei movimenti oculari dai un’occhiata al suo polso. Se porta l’orologio e destra, probabilmente è mancina/o. E tutto quello che hai letto sopra va invertito: la destra diventa sinistra e viceversa 😉

  • Da Gabriele Sola  0 Commenti   
  • coaching, Life Coaching

    0 Commenti

    Inserisci un Commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *